Come e quando effettuare la manutenzione della stufa a pellet.

stufa a pellet
stufa a pellet

Come e quando effettuare la manutenzione della stufa a pellet.



Pulire è meglio che aggiustare.
Da un punto di vista economico, ambientale, ecologico ed estetico, le stufe a pellet sono un'ottima scelta per riscaldare uno o più ambienti della tua casa. Senza tener conto della comodità rispetto alla classica stufa a legna: buttate pure i fogli di giornale e i bastoncini, con la stufa a pellet basta toccare un tasto e il fuoco si accende.
Ora veniamo alle domande che solitamente si pone il proprietario di una stufa a pellet:
Quando va pulita?
Come dovrebbe essere pulita?
Puoi sempre fare le pulizie da solo?
In questo articolo cercheremo di rispondere a tutte queste domande, partendo dal presupposto che una pulizia accurata e continua non sia solo essenziale per mantenere l'aria salubre in casa e garantire l'igiene generale, ma anche un aspetto fondamentale della manutenzione della stufa a pellet, in quanto consente di prevenire malfunzionamenti ed eventuali guasti.
Quando pulire la stufa a pellet?
Come abbiamo già detto, la pulizia stessa facilita le funzioni di manutenzione e prevenzione. Tuttavia, per essere efficace, bisogna tener presente che esistono 2 tipi di categorie:
Pulizia ordinaria
Pulizie straordinarie (o annuali)
Pulizia ordinaria
È buona norma pulire quotidianamente e accuratamente la stufa dopo ogni utilizzo per prolungare la vita utile dell'apparecchio ed evitare malfunzionamenti. Se ciò non è possibile, è tassativo farlo almeno una volta alla settimana. Ricordati: più si utilizza la stufa, maggiore è la necessità di pulirla. Ricordati: più la terrai pulita meno dovrai investire in un secondo momento per riparlarla.
Per la pulizia ordinaria della stufa sono necessari un aspiracenere per la pulizia interna e un semplice panno per la pulizia esterna. Poiché ogni dispositivo è dotato di un pratico manuale d'uso, che spiega passo passo le operazioni da eseguire, le operazioni sono molto semplici, tra cui:
Pulire il cassetto o la scatola grigia ogni volta che è pieno
Aspirazione giornaliera del braciere
Pulizia esterna
Pulire il vetro della stufa
Una volta che si è sicuri che la stufa si sia spenta e che si sia raffreddata (si può aspettare fino al giorno successivo all'uso), non resta che aspirare la cenere che si è accumulata intorno e sul braciere attraverso un cesto aspiracenere: l'importante è che si utilizzi un dispositivo specifico, perché non consente la dispersione delle ceneri nell'ambiente. Usare un normale aspirapolvere potrebbe non essere efficiente, per non parlare dei danni causati dalle ceneri al motore del dispositivo. Pulire il braciere significa far defluire l'aria comburente dai fori del braciere senza ostruzioni, in modo che l'apparecchio funzioni perfettamente ed eviti malfunzionamenti.
La pulizia del cassetto cenere è molto intuitiva: basta estrarre il cassetto cenere e aspirare, fare attenzione a pulire accuratamente tutto lo spazio ed eseguire questa operazione, se non tutti i giorni, almeno regolarmente, in base alla frequenza di utilizzo della stufa. Per la camera di raccolta cenere non smontabile, bisognerà aspirare comunque con la massima cura.
Per quanto riguarda la pulizia esterna della stufa, è necessario un semplice panno asciutto o umido che non contenga sostanze chimiche che possano corrodere la vernice o danneggiare la superficie. Per il vetro invece basta un pezzo di carta casa inumidito con acqua.

Pulizia straordinaria
La cosa più difficile è la pulizia della parte più interna della stufa, che sebbene possa essere eseguita in autonomia, è più complicata e delicata. Se non sei sicuro del tuo lavoro e vuoi che tutto vada bene, ti suggeriamo di contattare un tecnico professionista.
La pulizia straordinaria comprende:
Pulire la fuliggine e canna fumaria una/due volte all'anno
Pulire la canna fumaria una volta all'anno
La pulizia dei tubi della stufa viene solitamente effettuata una volta all'anno: per raggiungerlo può essere necessario smontare e rimuovere il serbatoio di accumulo; in un caso o nell'altro è necessario aspirare accuratamente tutti i residui per facilitare il passaggio della cenere ed evitare malfunzionamenti o guasti. Per la canna fumaria il problema si complica: quello che puoi fare in autonomia è pulire la canna fumaria utilizzando spazzole e prolunghe o una singola parte flessibile e strofinarle accuratamente per liberare da particelle e cenere. È possibile utilizzare l'aspirapolvere per terminare l'operazione.
E come si pulisce la canna fumaria? Puoi smettere subito di preoccuparti: la sua manutenzione deve essere conforme alla norma UNI 10683, che prevede che personale professionale e tecnico lo pulisca chiaramente una volta all'anno.
È sempre consigliabile pulire da soli?
La risposta è: dipende dalla situazione. Le ipotesi sono consigliabili solo se ti senti sicuro o in grado di farlo. Ovviamente esistono pareri diversi sulla pulizia della canna fumaria, che coinvolge la norma UNI 10683, e comunque deve essere effettuata da personale professionale e tecnico che può rilasciare un certificato di conformità.
Ordinaria e straordinaria: La pulizia della stufa è fondamentale per garantirne il normale funzionamento e prevenire eventuali danni e guasti; se può essere gestita in autonomia, se non ti senti sicuro, rivolgiti sempre e solo ad un professionista abilitato.


  pellets
2021-10-01 18:04:31



Altri articoli di cliccasa


articolo
Cos’è e a cosa serve il contratto preliminare di compravendita?

La prima mossa da compiere al momento dell’acquisto di una casa è quella di st...


Leggi l'articolo completo >


articolo
Student day: la ricerca delle case degli studenti fuori sede è cambiata.

Con la chiusura totale della didattica a distanza e il ritorno in aula, le città universitarie di tutta Italia hanno ripreso le caratteristiche dell’epoca pre-pandemia.
La cri...


Leggi l'articolo completo >


articolo
Consigli per arredare la camera da letto nel periodo invernale.

Anche quest’anno sta per arrivare l’inverno. Le giornate diventano troppo corte e le temperature gelide non fanno venir voglia di fare uscite outdoor.

Per godere al meglio il tempo trasc...


Leggi l'articolo completo >


articolo
Superbonus 110%, proroga al 2023: novità e come funziona

Il Superbonus 110% è un vantaggioso incentivo statale che va incontro a chi si trova a dover effettuare degli interventi edilizi sul proprio immobile. Questa misura...


Leggi l'articolo completo >


articolo
Casa a prova di bambino: ecco gli accorgimenti da prendere.

Quando si sta per diventare genitori si cerca di organizzare al meglio la propria casa per accogliere i bambini con...


Leggi l'articolo completo >


articolo
Elettricità, gas e inflazione: a causa dell'aumento dei prezzi e delle tariffe, ogni famiglia deve pagare 1.480 euro in più.

Il presidente della Codacons Carlo Rienzi ha evidenziato come i consumatori italiani stiano affrontando un nuovo colpo e l’esborso di ogni famiglia aumenterà di 1....


Leggi l'articolo completo >



facebook-white sharing button Condividi
whatsapp-white sharing button Condividi
telegram-white sharing button Condividi
email-white sharing button E-mail
sharethis-white sharing button Condividi